sabato 15 gennaio 2011

Il vangelo secondo Biff - Christopher Moore


  Tra una guerra macedonica e una dittatura Sillana sono riuscita a terminare il tanto, da me, bramato libro di Christopher Moore.
Che io sappia da questo libro non hanno ancora tratto una versione cinematografica e, con molte probabilità, non sarà possibile nemmeno in un futuro di più larghe vedute.
Questo non perchè sia un libro blasfemo, antipatico, ingiusto, offensivo o illegale; ma semplicemente perchè tratta di un argomento "giustounpò" delicato: Gesù.


Il libro, come ho già detto, è opera della mente geniale di Christopher Moore, uscito in America nel 2002 e arrivato nelle nostre librerie nel 2008 grazie alla casa editrice Elliot. La mia copia mi è stata regalata dalla mia adorabile mamma questo Natale ed è una versine economica in brossura, pagine 574, prezzo 12,90 €, codice isbn 978886530017.


Il libro è suddiviso in prologo, corpo centrale, epilogo e postfazione. Di solito salto tutto e passo direttamente al corpo centrale, ma, per questo libro, vale la pena leggere anche da chi è stato stampato e pubblicato.
Nella prima facciata troviamo anche la benedizione dell'autore:

Se ti sei avvicinato a queste pagine in cerca di risate,
ti auguro di trovarle,
se sei qui per farti offendere, cresca la tua collera
fino a farti ribollire il sangue.
Se cerchi un'avventura, che questa storia
 sia per te una fuga beata.
Se hai bisogno di mettere alla prova
o di confermare quello in cui credi, ti auguro
di giungere a conclusioni per te piacevoli.
tutti i libri rivelano la perfezione, per quello
che sono o per quello che non sono.
possa tu trovare quello che cerchi,
in queste pagine o altrove.
Possa tu trovare la perfezione
e conoscerla per nome.

Poi iniziano le sei sezioni del corpo centrale accompagnate dalle frasi di autori famosi e non:
  1. Parte I = Il fanciullo
  2.  Parte II = Il cambiamento
  3.  Parte III = La compassione
  4.  Parte IV = Lo spirito
  5. 5 Parte V = L'agnello
  6.  Parte VI = La passione
La storia è molto semplice, Biff viene resuscitato da un angelo per scrivere la sua versione della storia di Gesù. L'angelo sorveglierà Biff giorno e notte davanti alla Tv (in particolare alle soap opera che sono i suoi programmi preferiti) mentre Biff scriverà il suo vangelo e, di nascosto nel bagno, leggerà una copia della Bibbia che ha trovato nel comodino della stanza del motel.
Biff ci racconterà tutto dall'infanzia, alla passione di Cristo; ci parlerà di come ha incontrato Gesù per la prima volta:

" La prima volta che vidi l'uomo che avrebbe salvato il mondo, lui era seduto vicino al pozzo centrale di Nazaret con una lucertola che gli penzolava dalla bocca. Si vedevano solo l'estremità della coda e le zampe posteriori; l'altra metà l'aveva già inghiottita. Aveva sei anni come me e non gli era ancora spuntata la barba, quindi non somigliava molto alle molte immagini dove è raffigurato. Gli occhi erano di colore miele scuro e mi sorridevano da sotto una zazzera di riccioli nero-blu che gli incorniciavano il viso. In quegli occhi c'era una luce più vecchia di Mosè. "Immondo, immondo!" gridai indicandolo, così che mia madre potesse capire che conoscevo la Legge; ma lei mi ignorò, così come tutte le altre madri che stavano riempiendo le giare al pozzo. Il ragazzino si tolse la lucertola di bocca e la passò al fratello più piccolo, seduto accanto a lui sulla sabbia. Questi giocò con la bestiola per un pò, stuzzicandola fino a farle alzare la testolina quasi volesse morderlo; poi prese un sasso e gliela sfracellò. Perplesso, spinse la lucertola morta in mezzo alla sabbia; assicuratosi che non sarebbe andata da nessuna parte, la prese e la restituì al fratello maggiore. Lui se la infilò in bocca e, prima che avessi tempo di maledirlo di nuovo, la bestiolina uscì contorcendosi, viva e vegeta e pronta a mordere ancora una volta. La diede di nuovo al fratellino, che la colpì violentemente con il sasso, ricominciando e completando l'intero processo. Guardai la lucertola morire altre tre volte, e poi dissi :" Voglio farlo anche io". Il Salvatore se la tolse di bocca e mi chiese: "Quale parte?".

Poi la storia prosegue, ovviamente fino alla Passione, così come dice il sesto titolo. Per tutto il libro Biff ci parla di come abbiano cercato e trovato i Re Magi e di come abbiano imparato tanto da loro, tra cui l'arte del Kung Fu, le parole del Buddha, il Kamasutra e mille dottrine; ci racconterà anche la vera storia dello Yeti.
Ho riso tanto tanto tanto tanto!
A volte ero a casa del mio amore e mentre lui guardava la tv io scoppiavo a ridere come una matta, tanto che mi chiedeva lui stesso "ma che c'è di così divertente?"..rileggevo il passo e scoppiavamo a ridere insieme. E' stato bellissimo leggere queste pagine ed è stato il rimedio alle mie giornate tristi, più di quanto possiate immaginare! Mi sento in dovere di presentarvi "quel genio di Moore" nel caso in cui ancora non lo conosciate, per cui, eccolo qui:

Christopher Moore è nato nel 1957 a Toledo, Ohio. Ora vive a San francisco dopo aver studiato all'Ohio State University e in seguito al Brooks Institute of Photography da Santa Barbara. Nella sua vita ha lavorato come commesso in un supermercato, portiere di notte, cameriere, aiuto-fotografo, assicuratore, piastrellista, vice cuoco e deejay prima di dedicarsi completamente alla scrittura.
Altri suoi romanzi che comprerò al più presto sono:
  • La commedia degli errori (Practical Demonkeeping, 1992) Sonzogno, 1992;
  • Il ritorno del dio coyote (Coyote Blue, 1993) Sonzogno 1993;
  • Tutta colpa dell'angelo: un'allegra favola di Natale, Elliot 2005;
  • Un lavoro sporco, Elliot 2007;
  • Suck! Una storia d'amore, Elliot, 2009;
  • Fool, Elliot, 2009;
  • Sesso e lucertole a Melancholy Cove, Elliot 2010
E altri libri non ancora pubblicati in Italia.
Ora torno a Silla..poi Cinna..poi il primo triumvirato...poi Cesare...poi il secondo Triumvirato..poi Augusto...poi poi poi...