Passa ai contenuti principali

Post

ELEANOR OLIPHANT STA BENISSIMO - Gail Honeyman

Era il primo giorno di mare e, siccome non ero riuscita a decidere quale libro portare con me in spiaggia, avevo scelto di recuperare un po' di letture arretrate. Quindi ho indossato il costume più ridicolo della mia collazione e ho infilato in borsa Wired,La Lettura, La Repubblica, L'internazionale, Il Libraio e Lettere:tutti.

Sono arrivata in spiaggia e ho aperto la prima pagina de Il Libraio. C'era una delle ultime uscite firmate Garzanti Editore.
Insomma, senza girarci troppo intorno, vi dico subito che dopo aver letto la trama e l'estratto in allegato ho comprato il libro. Vi dico anche che esattamente due pomeriggi dopo avevo anche terminato il libro ed ero anche molto soddisfatta della mia lettura.
Si tratta di Eleanor Oliphant sta benissimo di Gail Honeyman e spero vivamente di trovarlo nelle vostre wish list, tra le vostre letture estive o di sapere che lo avete già letto.

Sono sempre stata orgogliosa di cavarmela da sola nella vita. Sono l'unica sopravvi…
Post recenti

PINK MOJITO - 5 libri da portare sotto l’ombrellone

Sotto l’ombrellone cosa fare se non leggere?
Il mese scorso hai letto il mio articolo sulla Chick Lite sicuramente starai pensando che i 5 libri che ti sto per consigliare riguardano romanzi rosa e o proprio il genere Chick lit. E invece ti stupirò! Non c’è scritto da nessuna parte che una ragazza di vent’anni debba per forza essere costretta a leggere e rileggere la saga di “I love shopping” sotto l’ombrellone. Di libri divertenti e scorrevoli ne è pieno il mondo e con questa piccola guida alla lettura estiva, se vorrai fidarti di me, ti farò scoprire un’alternativa interessante che potrebbe aiutarti in tutti quei momenti in cui sarai sotto l’ombrellone cercando qualcosa da fare. Hai già scelto borsa, costume, ciabatte infradito e crema solare, ma ti manca il libro da portare con te sotto l’ombrellone. Hai mai sentito parlare delle raccolte di racconti? Continua qui!

LEGGERE - Corrado Augias

Quando decido di acquistare un libro di questo genere è, chiaramente, perché sono alla ricerca di ispirazioni.
Le ispirazioni non riguardano soltanto libri nuovi, potenziali letture, autori e romanzi da aggiungere in wish list. Le ispirazioni che cerco riguardano anche una certa filosofia, un vissuto, una prospettiva, un insegnamento, qualsiasi cosa, insomma, che sia di ispirazione e di contaminazione e propulsione di pensieri nuovi, concetti innovativi e punti di vista totalmente altri da me.

Questo libro è nella mia wish list da tempo immemore. Probabilmente sta lì da quando, per la prima volta, l'ho incontrato tra gli scaffali di Feltrinelli. E quando ho ricevuto la mail da Bookmooch che mi diceva che "Leggere" era finalmente tra i titoli disponibili, non ci ho pensato neanche un secondo: l'ho ordinato in un battibaleno!

TRAMA:
Perché si legge e come si impara a farlo? Come nasce la passione per la lettura? Perché leggere fa bene, ma può talvolta far male? In ques…

PINK MOJITO - La Chick Lit e la letteratura per donne

Perché non semplicemente letteratura?

Prendendo ispirazione da un articolo della guru del marketing Diane Meier, mi piacerebbe condividere con te una riflessione importante a proposito dei generi letterari e più nello specifico sulla Chick Lit, la cosiddetta letteratura da pollastrelle. Prima di iniziare facciamo un passo indietro: cos’è la Chick Lit? Questa espressione inglese definisce un genere letterario nato alle soglie degli anni Novanta e rappresentato soprattutto da scrittrici donne di origine britannica e statunitense. In questo genere letterario sono raggruppati tutti quei romanzi che si rivolgono prevalentemente ad un pubblico di donne giovani, possibilmente single e in carriera. È senz’altro vero che questa particolare tipologia di romanzo ha parecchio a che vedere con i romanzi rosa, però, ciò che distingue e caratterizza la letteratura Chick lit è uno spiccato senso umoristico nello stile narrativo, nella caratterizzazione dei personaggi femminili e delle ambientazioni. La ra…

COME NON SCRIVERE - Claudio Giunta

La grammatica italiana è una delle mie più grandi passioni. Quello che mi appassiona di più è la certezza delle regole, perché la grammatica non fa sorprese; la logica, perché ogni regola ha un significato correlato alle altre regole; l'ordine, perché la grammatica permette alle parole di essere precisamente al loro posto; tutto questo alimenta in me una sempre grande soddisfazione.
Il fatto che io diventassi copy e redattrice probabilmente era segnato nel mio destino molto prima che io scoprissi quali sono le mansioni previste da tali professioni.
Sono una persona ordinata (in certi momenti quasi maniaca); sono abitudinaria (c'è chi dice compulsiva) e sono pragmatica: la grammatica (e la scrittura, di conseguenza) è il mio sport preferito.

Anche a scuola mi piaceva studiare grammatica e fare gli esercizi. Mi piaceva l'analisi grammaticale, l'analisi logica e quella del periodo. Mi piaceva utilizzare le penne colorate per evidenziare le parti del discorso. Però, adess…