lunedì 9 gennaio 2012

Il diavolo vola a Hollywood - Lauren Weisberger


Questo libro è stato uno dei miei regali di Natale, apprezzatissimo e desideratissimo!



Edito da EDIZIONI PIEMME Spa, prezzo credo 18 euro ma come vi dicevo è stato un regalo, pagine 416.

Tempo di lettura UN GIORNO.
L'ho divorato in pochissime ore, sotto la mia coperta di Pile rosa shokking, con la mia tazza di thè fumante alla vaniglia, il mio smalto rosso appena applicato sulle unghie dopo una lunga linghissima doccia bollente.
Una serata tra ragazze, io e Lauren Weisberger.

Apprezzo molto la sua scrittura, simile alla Kinsella, il genere, chick-lit, e il fatto che sia edito da PIEMME. Mi piace molto tenere in mano questa particolare edizione.

La storia vede come protagonisti Brooke e Julian, due neo sposini che si sono conosciuti grazie alla passione di Julian per la musica e alla passione di Brooke per...Julian. Per mesi, dopo il college, Brooke passa i suoi martedì sera nel locale in cui Julian suona e canta e con il tempo si conoscono , si innamorano e si sposano. Al fine di assecondare la passione del marito Brooke si trova a svolgere due lavori: uno in ospedale come nutrizionista e uno in un liceo come consulente alimentare per ragazze con problemi con il cibo.
Ad un certo punto della storia la SONY firma un contratto con Julian che diventa presto famosissimo, amato e conosciuto in tutta America.
Iniziano gli scandali sui giornali di gossip, le tournè, la lontananza e i problemi tipici del mondo dello spettacolo. Julian tradisce Brooke.
Brooke, sua moglie, colei che si è sempre battuta per lui e per la sua passione, colei che si è ammazzata di lavoro per assecondarlo e colei che è sempre stata innamorata di lui come se fosse l'unico uomo sulla faccia della terra.
Julian si farà perdonare?
I due torneranno insieme?

Per scoprirlo dovete leggere il libro.
Io l'ho apprezzato moltissimo. Se avete bisogno di una serata tra donne con voi stesse, come me, questo libro fa al caso vostro: scorrevole, divertente e tutto al femminile in cui oltre al divertimento troviamo anche passioni, amori, tradimenti, momenti di lite e momenti di pace... e perle di saggezza-femminile come questa:

[...] Quando finì, Julian era uscito con Walter, e lei si precipitò a vestirsi nel modo più semplice, che garantisse comodità senza farla apparire orrenda: un maglione lungo su leggins neri e stivaletti alla caviglia. Aveva tardato ad adottarli, ma, una volta scovati e comprati i primi, gloriosamente elastici e lusinghieri, non era più tornata indietro. Dopo tanti anni passati a combattere per infilarsi jeans strettissimi a vita bassa, gonne a fuso e pantaloni ce le strizzavano la vita come una morsa, trovava che i leggins fossero  una benedizione per tutte le donne del mondo. Per la prima volta, un capo alla moda la donava perfettamente, nascondendo un punto di vita e un sedere non proprio stellari ed evidenziando delle gambe ragionevolmente tornite. Ogni volta che li indossava rivolgeva un ringraziamento a chi li aveva inventati, e pregava fra sè che restassero di moda ancora per un pò. [...]
Fantastico eh!?