mercoledì 18 luglio 2012

Il giardino degli incontri segreti - Lucinda Riley



Caro lettore e cara lettrice,
questa sera ho deciso di parlarvi di questo libro che oltre ad essermi piaciuto da morire è anche il secondo libro del mio Project 10 Books, si tratta di:

Il giardino degli incontri segreti di Lucinda Riley (è il primo romanzo scritto da questa autrice), edito dalla casa editrice Giunti, prezzo di copertina 9.90 euro, 615 pagine, codice ISBN 9788809771246.

Trama: Da bambina, Julia trascorreva molte ore felici nella incantevole tenuta di Wharton Park, dove suo nonno coltivava con passione le specie più rare ed esotiche di orchidee. Quando per un terribile colpo del destino la sua vita viene sconvolta, Julia - ormai un'affascinante e affermata pianista - torna istintivamente nei luoghi della sua infanzia. Spera con tutto il cuore che Wharton Park la aiuti a capire che direzione prendere, come è avvenuto in passato. Da poco, però, la tenuta è stata rilevata dal carismatico e ribelle Kit Crawford che, durante i lavori di ristrutturazione, ha trovato in villa un diario risalente al 1940, forse appartenuto proprio al nonno di julia. E, mentre con l'avanzare dell'inverno l'attrazione tra Julia e Kit cresce di ora in ora, Julia sente la necessità di scoprire quale verità si nasconda dietro quelle pagine annotate. Ed è così che un terribile segreto sepolto per anni viene alla luce, un segreto potente, che ha quasi distrutto Wharton Park e che è destinato a cambiare per sempre il destino di Julia. Un'appassionante storia d'amore dove passato e presente si intrecciano senza sosta. Un racconto epico e commovente che rapisce fino alla fine.

E' andata così: mia madre, uscita da lavoro, stava aspettando l'autobus sotto il sole bollente dei primi di Luglio. Qual è il modo migliore per non prendersi un'insolazione in città? Entrare nei negozi, specialmente in quelli che dispongono di fredda, freddissima, aria condizionata. Il caso ha voluto che uno di questi negozi fu proprio Feltrinelli. Mamma entra, si gira intorno fingendo di cercare un libro, proprio quello che non si trova, mentre cerca di assorbire il più possibile la brezza che pervade il negozio..e lo vede. Lui è lì, tra le ultime uscite. Un'orchidea rosa, sullo sfondo una scalinata e due persone che vi camminano, il verde, lo afferra e subito diventa suo.
In realtà "Il giardino degli incontri segreti", una volta varcata la soglia di casa, è diventato subito mio.
Due pomeriggi dopo apparteneva alla lista dei libri ormai letti.

Questa Julia, citata e citata nella trama, si presenta agli occhi del lettore come una donna depressa, che non esce più di casa da almeno sette mesi, che non mangia e che riceve come uniche visite quelle di sua sorella Alicia, che non fa altro che preoccuparsi per lei. In quello stesso frangente noi lettori scopriamo che Alicia invita Julia ad un'asta, con la scusa di cercare un regalo per il loro padre, in realtà vuole solo farla uscire un po' dalle quattro umide mura del cottage in cui ormai è rinchiusa da mesi.
Il caso vuole che questa asta si trovi proprio a Wharton Park, la nobile tenuta in cui i nonni delle due donne lavoravano uno come giardiniere e l'altra come domestica. Qui incontra Kit, colui che ha ereditato la tenuta e che ha deciso di venderla. Lo stesso Kit, giorni dopo, porterà a Julia un diario ritrovato sotto le assi della serra di suo nonno.

Da questo momento in poi Julia inizierà un percorso di risalita dalla depressione che la stava affliggendo da quasi un anno (non posso dirvi per quale motivo era così depressa perché altrimenti sono costretta a svelare una parte importante del racconto), troverà un nuovo amore e rimetterà insieme i pezzi di un puzzle iniziato nei primi del  '900 e dimenticato, la cui unica testimone è la raccolta di memorie.

Un libro sostanzioso, carico di emozioni e scorrevole. Adattissimo ad un pomeriggio, ma anche due, in spiaggia sotto l'ombrellone: una granita al limone da una parte, uno spruzzino pieno di acqua freschissima dall'altra, un po' venticello e lui. Basta.
Io l'ho adorato e lo sto consigliando a destra e a manca. D'inverno non avrebbe lo stesso effetto, quindi se volete leggerlo fatelo ora, in spiaggia, o comunque al caldo e sotto il sole.
Non vi dico di più, vi dico solo PROVATELO, sono sicura che non ve ne pentirete!

Al prossimo post!

PS: In effetti c'è un piccolo particolare che ho detestato: ci sono storia d'amore che finiscono, e fin qui tutto bene. Poi ci sono storie d'amore che nascono...lui incontra lei, lei lo guarda negli occhi, lui dice di amarla, due secondi dopo i due in TUTTI e ripeto TUTTI i dialoghi non fanno altro che chiamarsi amore, cara tesoro, amore mio... Un particolare a mio parere odiosissimo. Quando due persone iniziano una relazione NON è vero che dopo cinque minuti iniziano a chiamarsi tesoro, amore, picci picci e pucci pu...ci vuole tempo. Ho trovato questa scelta dell'autrice odiosa, ridondante e poco verosimile.
A parte questo è tutto fantastico!