giovedì 20 settembre 2012

Un giorno - David Nicholls


Mamma mia che stanchezza...e le mie occhiaie sicuramente non aiutano a mascherarla.
I cari amici universitari capiranno subito il motivo: gli esami sono tornati.
Le vacanze sono finite; i libri si sono aperti; gli evidenziatori, i post-it e le matite si sono allineate e il libretto universitario scalpita sulla mensola. Le giornate sono scandite dallo studio e il tempo per divertirsi ormai è poco, specialmente per tutti coloro che, come me, cercano di togliersi dalle spalle quei benedetti esami che mancano per poter affermare con orgoglio "Ho terminato tutti gli esami di questo anno accademico!!".
Me ne mancano due. Uno la settimana prossima e uno due settimane dopo.
Siccome sono le 20.18 e io ho appena finito di studiare ciò che avevo stabilito di studiare oggi, ho deciso di dedicarmi ad un ricordo piuttosto piacevole.
Sto parlando di:

Un giorno di David Nicholls, edito dalla casa editrice Neri Pozza, prezzo di copertina 18 euro (pagato 7 euro alla bancarella dell'usato), 478 pagine, codice ISBN 9788854504202.

E' l'ultimo giorno di università, e per due ragazzi sta finendo un'epoca. Ormai si sentono adulti e indipendenti, hanno davanti a loro l'intera vita da afferrare a piene mani. Emma e Dexter sono a letto insieme, nudi. Lui è alto, scuro di carnagione, bello, ricco. Lei ha i capelli rossi, fa di tutto per vestirsi male, adora le questioni di principio e di grandi ideali. Si sono appena laureati, l'indomani lasceranno l'università. Dopo una serata di grandi bevute sono finiti a baciarsi con passione, e poi tra le lenzuola. Ora sono lì, l'una accanto all'altro, nell'alba che lascia intravedere il loro futuro e le loro speranze. E' il 15 Luglio 1988, e per la prima volta Emma e Dexter si amano e si dicono addio. Lui è destinato a una vita di viaggi, divertimenti, ricchezza, sempre consapevole dei suoi privilegi, delle sue possibilità economiche e sociali. Ad attendere Emma è invece un ristorante messicano nei quartieri nord di Londra, nachos e birra, una costante insicurezza fatta di pochi soldi e sogni irraggiungibili. Ma per loro il 15 Luglio rimarrà sempre una data speciale. Ovunque si trovino, in qualunque cosa siano occupati, la scintilla di quella notte d'estate tornerà a brillare. Dove sarà Dexter, cosa starà combinando Emma? Per venti anni si terranno in contatto, e per un giorno saranno ancora assieme. Perché quando Emma e Dexter sono di nuovo vicini, quando chiacchierano e si corteggiano, quando litigano e scherzano, raccontandosi i loro amori, i successi e i fallimenti, solo allora scoprono di sentirsi bene, di sentirsi migliori. E forse sanno di essere addirittura felici. Comico, intelligente, malinconico, Un giorno cattura l'energia sentimentale delle grandi passioni: i cuori spezzati, l'intricato corso dell'amore e dell'amicizia, il coraggio, le attese e le delusioni di chiunque abbia desiderato una persona che non può avere.

La storia di questo libro è luuunga lunghissima:
La prima volta che l'ho "incontrato" è stato su youtube. Una ragazza che seguo, che ha un bellissimo canale, ne parlò benissimo. Rimasi incuriosita dalla storia e dalla copertina e restai colpita dal fatto che (a detta della ragazza) il film e' altrettanto bello e molto fedele al racconto originale.
La seconda volta fu causa di mia madre. Mi disse che voleva un consiglio: avrebbe dovuto regalare un libro ad una sua amica e mi ha chiesto, nello specifico, un libro un po' leggero, con una bella storia d'amore. Pensai subito a questo. Mia madre lo comprò e lo regalò alla sua amica che, anche se non mi sembra sia amante del genere, ne rimase colpita. Il libro le piacque molto e ne parlò molto bene.
Poi la catastrofe.
Tutti ne parlavano: blog, canali youtube, siti internet, locandine del cinema, ovunque c'era questa copertina, questo titolo e questa storia.

In un giorno di shopping,settimane fa, decisi di fermarmi alla fedelissima bancarella dell'usato in Piazza Cavour e lui era lì, un po' nascosto nell'ultima fila a sinistra, ma era lì, scontato del 50%. Non potevo non prenderlo.
Era il 22 Agosto, terminato tre giorni dopo.

Il libro è diviso in cinque parti:

  1. Prima parte: 1988-1992 ventenni. La frase scelta dall'autore per presentare questa parte è tratta da Grandi Speranze di Charles Dickens: "Per me fu un giorno memorabile, perché mi cambiò molto. Ma in ogni vita succede lo stesso. Immaginiamo un giorno a scelta isolato dal contesto e pensiamo a come sarebbe stato differente il corso della vita. Fermati, lettore, e rifletti a lungo sulla lunga catena di vil metalli o oro, spine o fiori, che non ti avrebbe mai legato, se non fosse stato per la formazione di quel primo anello in quel giorno memorabile."
  2. Seconda parte: 1993-1995 verso i trenta. La frase anche questa volta è tratta dal libro di Dickens: "Davamo fondo alla cassa e in cambio ricevevamo quel poco che la gente si degnava di darci. Eravamo più o meno sempre a terra e quasi tutti i nostri conoscenti versavano nella stessa condizione. Fingevamo spudoratamente di spassarcela a ogni ora, ma la verità nuda e cruda era che non succedeva mai. Sono arciconvinto che il nostro caso fosse in questo senso abbastanza comune."
  3. Terza parte: 1996-2001 dopo i trenta. Questa volta la frase è tratta da Burning the Days di James Salter: " A volte ti accorgi di stare vivendo i tuoi momenti memorabili, altre volte riemergono dal passato. Idem con le persone."
  4. Quarta parte: 2001-2005 verso i quaranta. Da Via dalla pazza folla di Thomas Hardy: "Accennavano di rado al legame che li univa: forse le parole dolci e le carinerie erano superflue per due amici di sì lunga data"
  5. Quinta parte: Tre anniversari. Da Tess dei d'Urbervilles di Thoma Hardy: "Lei prendeva filosoficamente nota delle date man mano che scorrevano con il passare dell'anno [...] il suo compleanno e ogni altra giornata scolpita da un episodio al quale lei aveva preso parte. A un tratto un pomeriggio, mentre rimirava la propria bellezza allo specchio, le venne fatto di pensare che c'era un'altra data, più importante per lei di tutte le altre, ovvero quella della sua morte, in cui tutto l'incanto sarebbe svanito, un giorno che si annidava nascosto fra tutti gli altri giorni dell'anno, senza farsi notare quando ogni anno lei vi passava sopra, ma pur sempre lì in attesa. Quando sarebbe arrivato?"
Non c'è altro da dire.
Mentre leggevo il libro non davo peso a questi spezzoni. Di solito non hanno molto senso, invece, in questo caso, sono il degno riassunto di questa storia d'amore.
Non mi sento di aggiungere altro, perché non vorrei svelarvi tutto, però lasciatemi dire che questa prosa è davvero un piacere per gli occhi. E' un libro contemporaneo, che presenta due personaggi verosimili in cui chiunque può rispecchiarsi e, soprattutto, racconta la storia di un amore che vive da sempre, ma che viene scoperto tardi, forse TROPPO tardi.
L'autore vuole farci capire che non dobbiamo perdere tempo in amore perché ogni lasciata è persa, e la vita è troppo breve...passa in un soffio e nemmeno ci accorgiamo quando è l'ora di dire  "basta,. voglio scendere, non voglio più giocare a questo gioco".
Se amate una persona di nascosto tirate fuori i vostri sentimenti, perché quando finalmente deciderete di farlo magari sarà troppo tardi. Non abbiate paura del rifiuto. La vita è troppo breve per perdere tempo a fuggire dalle paure e da ciò che ci mette in difficoltà. 
Guardate Emma e Dexter, Dexter ed Emma.
Leggete questa storia e al suo termine avrete sicuramente voglia di abbattere tutti i muri che vi hanno bloccato per anni, e vivere la vita pienamente.
Cinque stelle! Ed entra di diritto nella lista dei libri più belli che ho letto quest'anno.
E voi? Che mi dite?? Lo avete letto???
A presto