Passa ai contenuti principali

Buon Anno e Buon Inizio



Buongiorno a tutti cari amici lettori e Felice anno nuovo! Sì, lo so, sono in ritardo imbarazzante...ormai vi sarete abituati ai miei ritardi cronici e vi sarete anche abituati alle ormai solite scuse.

Ma da oggi, 14 Gennaio 2014, inizia una nuova fase della mia vita! 

Chi mi segue sulla pagina Facebook del Blog (Se volete seguirmi vi basterà fare click qui!) ha già ricevuto la buona novella: ho finalmente terminato tutti gli esami della triennale e, finalmente, potrò dedicarmi alle mie letture e al Blog.
Sono felice e soddisfatta e anche se questo percorso durato tre anni è stato tortuoso e stressante sono davvero fiera di quello che ho fatto. Soprattutto perché tutto quello che sono riuscita a raggiungere l'ho ottenuto da sola, con le mie sole forze.

Oggi mi va di essere sincera e di confessarvi una piccola cosa che forse non tutti sapete. Mi sono diplomata del 2010 in un Liceo Scientifico Tecnologico dove non era previsto l'insegnamento del Latino. Ovviamente era la scuola sbagliata per me, ma alle medie avevo deciso che sarei diventata architetto, sono brava nel disegno tecnico e nel disegno grafico, mi piaceva l'idea di costruire case e magari anche di arredarle. Quando poi ho iniziato il Liceo e quando ho capito che per fare l'architetto bisognava per forza di cose essere bravi bravi in matematica et similia, ho capito che quella non era la mia strada. Sono riuscita a diplomarmi senza problemi, ma è stato uno sforzo enorme perché mi trovavo in una scuola non adatta a me.

Quando ho avuto la possibilità di scegliere in che campo proseguire gli studi, appoggiata dai miei genitori e dal mio fidanzato, ho deciso di buttarmi in questo mondo nuovo, il mondo delle Lettere. Ero scoraggiata a causa degli insuccessi precedenti e, sopra ogni cosa, ero terrorizzata alla sola idea di dover superare ben tre esami di latino. Come farò, mi dicevo, a studiare una lingua morta da sola. Senza contare il fatto che quando rispondevo alla fatidica domanda "cosa studi all'Università?" ogni volta mi sentivo ripetere "Uh signur, non so come farai! Latino?? da sola?? Mamma mia. Martina, tanti auguri!".
Immaginate, questi erano i presupposti e le prospettive.
Però l'impegno paga. Io mi sono impegnata tanto e ho raggiunto i miei obiettivi!
Ho rinunciato a tante cose eh, ma tranquilli ora sono qui, felice e soddisfatta, pronta a mettermi in gioco e a dedicarmi alle mie passioni, quindi non perdiamo altro tempo.


Il primo punto della giornata è: Regali di natale


La versione di Barney - Mordecai Richler
L'uomo che ride - Victor Hugo
Nove racconti - J.D. Salnger
Nemesi - Philip Roth

Ho ricevuto tante cose e tra le tante cose sono arrivati nella mia libreria altri quattro libri nuovi nuovi.
Era da tantissimo tempo che li puntavo, ma non potevo acquistarli. Ne ho una montagna da leggere e se ne avessi acquistati di nuovi mi sarei sentita un po' in colpa (poco poco eh!). Quindi ho aspettato Natale e mamy-Natale è stata molto buona con me.


Il secondo punto della giornata è: La calza della Befana.

L'analfabeta che non sapeva contare - Jonas Jonasson
Nevicava sangue - Eraldo Baldini
Eccoci qui, qualche giorno dopo, ricordo benissimo che il ripassone era già iniziato da giorni, anche perché mancavo circa 48 ore all'esame. Mi sono svegliata la mattina della Befana e ad aspettarmi c'era questa calza dolcissima piena di cioccolato Lindt e di ben due libri! Ero così felice che per un attimo mi sono dimenticata di tutte le cose che dovevo fare in giornata, sono stati i 25 minuti più belli del 2014 (fino a quel momento almeno). Il che mi porta a introdurvi il punto tre della giornata:


Il terzo punto della giornata è: Project 10 Books.



E questa volta è vero!
Non acquisterò nuovi libri prima di aver letto almeno dieci di quelli che già possiedo. Con le mani sporche di cioccolata e la borsa di Mafalda con gli ultimi libri da riguardare ho organizzato subito una lista.
Quando ho scattato la foto, però, mi sono accorta che mancavano i libri della Befana e almeno uno lo volevo inserire.
Non ho voluto perdere tanto tempo perché sono anche una ragazza molto ansiosa e gli unici pensieri che avevo erano esame esame esame esame esame esame esame e esame. Così, per qualche giorno, ho archiviato il progetto del progetto.

Il giovane Holden - JD Salinger
L'uomo che ride - Victor Hugo
Nove racconti - JD Salinger
Lolita - Nabokov
La versione di Barney - Richler
Lezioni americane - Italo Calvino
Canada - Richard Ford
Nevicava sangue - Eraldo Baldini
L'analfabeta che sapeva contare - Jonasson
Le affinità alchemiche - Gaia Coltorti
 Vedete quella piccola agendina azzurro Tiffany nella foto qui a sinistra? Lei è la nuova agenda esclusivamente dedicata al Blog e dopo aver compilato i dati anagrafici la prima cosa che ho scritto è stata la lista definitiva del Project 10 books.

E' stata una lista meditata perché ho voluto mettere insieme tante cose.
Volevo un classicone, e per questo ho scelto il caro Victor; volevo anche che ci fosse un libro del fatidico progetto #1001libri, e ho scelto Lolita. Nel 2013 avevo anche iniziato la sfida dell'alfabeto, ma non ero riuscita a portarla a termine, quest'anno voglio riprovarci e per questo motivo ho cercato di inserire nome di autori che iniziassero con lettere diverse (anche se alla fine ho comunque accumulato due S e due C).

La lista è sotto la foto, quindi le prossime recensioni riguarderanno questi libri (e i primi due che ho già letto nel 2014).

Anzi, se avete qualche consiglio, scrivetemi pure!

Come sono andate le vostre vacanze? Spero tutto bene e spero che questo duemilaquattordici sarà un anno ricco di emozioni per ognuno di voi! A presto!




PS: Ilenia, del Blog Con amore e squallore sta proponendo proprio in questi giorni un gruppo di lettura...il libro protagonista sarà "I tre moschettieri". Siccome sono libera e siccome questo grande classico si trova nella mia libreria da più di un anno ho deciso di partecipare! Troverete tutte le informazioni sulla pagina Facebook del Blog di Ilenia!