Passa ai contenuti principali

Finalmente sono tornata sulla terra

Finalmente sono tornata sulla terra.
Questo sarà un post lunghissimo e logorroico. Il Blog, tra le tante cose, è anche un diario virtuale e questo post servirà sia a me, per ricordare questi quattro mesi meravigliosi, sia a voi, per scoprire che fine ho fatto e per quali motivi sono stata così poco presente e tanto con la testa tra le nuvole. Avrete capito già che non sarà un post recensione, ma semplicemente un post di chiacchiere tra amici.
Nella pagina Facebook del Blog si è creata una bella atmosfera di condivisione e quindi mi sento in dovere di spendere due parole con le persone che mi seguono e che mi sostengono giorno dopo giorno.

Inizio subito dicendo che questo 2014 è iniziato piuttosto bene.
Gli sforzi che ho compiuto nel 2013 stanno iniziando a dare i frutti che speravo, infatti, a Gennaio ho terminato tutti gli esami della Triennale e giovedì 10 Aprile mi sono Laureata con una tesi in Filosofia del linguaggio. L'impronta che ho voluto dare al mio elaborato è stata sin da subito evidente sia al mio Relatore sia al mio Contro Relatore, entrambi si sono accorti quanto è grande la mia passione nei confronti della Letteratura, della lettura e della scrittura e in sede di discussione lo hanno fatto notare entrambi all'intera commissione e a tutti i presenti. Il mio Relatore mi ha addirittura fatto pubblicità citando il Blog in diretta! Non me lo aspettavo, è stato emozionante e unico e posso affermare con certezza che il giorno della mia Laurea è stato uno dei più belli della mia vita. Ho realizzato un sogno che non riguardava tanto la Laurea quanto più riscoprire la fiducia in me stessa, quella fiducia che avevo perso dopo cinque anni di Liceo nei quali mi sono sentita inadeguata, nel posto sbagliato. L'Università non è stata semplice, è stata un'esperienza formativa enorme, ma mi ha fatto riscoprire me stessa e non so descrivervi la gioia che ho provato quando mi sono sentita proclamare Dottoressa e ho indossato quella corona d'alloro.
Negli ultimi tre anni ho sacrificato tante cose, ma farei tutto di nuovo solo per rivivere quel 10 Aprile.

Ma la Laurea non è stata l'unico sogno diventato realtà, infatti, qualche giorno prima (precisamente il 29 Marzo) è stato presentato un libro che si intitola "13 Pezzi facili". Questo libro di 122 pagine è la realizzazione di un progetto d'avanguardia letteraria al quale ho preso parte. Se scorrete tutti i post di questo Blog e raggiungete quelli pubblicati nel mese di Ottobre 2013 ce ne sarà uno, o forse più di uno, in cui annunciavo con timore e curiosità l'inizio di una nuova impresa: un corso di scrittura narrativa.
In questo corso di scrittura, oltre a leggere i nostri elaborati, abbiamo letto soprattutto autori americani (Carver, Salinger, Conrad, Dubus e Williams); li abbiamo studiati e approfonditi e abbiamo cercato di interiorizzarne lo stile adattandolo, però, a situazioni nostre e attuali. Quello che è scaturito è questa raccolta definita sorprendente dall'editore stesso. Talmente tanto sorprendente che ha deciso di pubblicare i racconti più meritevoli. Io sono fiera di questo libro. Al suo interno sono presenti tre dei miei racconti e per me è un vero onore vedere il mio nome stampato in copertina. Credo tanto in questo progetto e realizzarlo è stato bellissimo. Alla presentazione del libro, l'editore ha chiamato ognuno di noi autori a leggere un racconto di fronte a centinaia di persone, è stata un'emozione indescrivibile e irripetibile e anche se l'ansia era tanta e anche se ho temuto di dover contattare un cardiologo, o almeno il 118, è stato bellissimo ricevere l'applauso della folla a lettura terminata. Un sogno.




Per festeggiare questi due lietissimi e tanto sperati eventi ho fatto un discreto ordine su Ibs.it. E' il sito on-line che uso di solito per acquistare libri ed è quello con il quale mi trovo meglio. Amazon, ogni volta, mi crea qualche problema...soprattutto a livello di tempistiche e corrieri. Con Ibs, invece, il corriere è gentile e veloce. Ho ordinato cinque libri e mi sono arrivati due giorni dopo.

Volevo mostrarvi il contenuto di questa scatola in questo post, ma credo verrebbe troppo lungo e noioso, quindi rimando l'apertura della scatola alla prossima puntata (mercoledì, restate connessi).
Gli unici libri che vi mostrerò in questo post sono quello che sto leggendo e quello che mi è stato regalato dalle mie amiche per la Laurea, ma procediamo con ordine:





Il libro che sto leggendo in questo periodo è Tenera è la notte di Franzis Scott Fitzgerald. E credo proprio di aver commesso un errore, non dovevo iniziarlo dopo la presentazione di quello che posso definire il mio libro e prima della Laurea, perché questi due eventi così importanti mi hanno assorbito ogni energia e ogni pensiero. Ho letto Francis in modo scostante e disattento e non mi sono goduta né lo stile né l'intreccio. Sono a pagina 247\371 e non mi convince ancora.
Il fatto è che sono sicura che se lo avessi letto oggi o nei prossimi giorni il risultato sarebbe stato diverso e lo avrei apprezzato molto di più. Credo di essermi giocata questo romanzo e mi dispiace.
Probabilmente tra qualche anno lo rileggerò con maggiore attenzione




 Le mie amiche sono meravigliose.
Non ne ho tante, ma ho scelto le migliori.
Per la Laurea mi hanno fatto un doppio regalo tematico e il tema, evidentemente, è il tempo.
Alla ricerca del tempo perduto è un libro che desideravo da tanto tempo, ma che mi ha sempre spaventata un po'. Forse da sola non lo avrei mai acquistato e per fortuna le mie amiche me lo hanno regalato. In più, come se non bastasse, hanno aggiunto un orologio al regalo!

Un giorno vi parlerò del mio problema con gli orologi.
Ne avrò comprati almeno dieci e mai una volta sono riuscita a trovare quello giusto. Un giorno vi dirò anche che massimo massimo sono riuscita ad indossare lo stesso orologio per due giorni consecutivi senza odiarlo. Un giorno vi dirò inoltre che sono decisa in tutto e determinata in qualsiasi cosa, ma la scelta del giusto orologio è il mio tallone d'Achille. Le mie amiche mi hanno regalato questo Casio, il modello più piccolo...l'ho ricevuto Venerdì sera e non l'ho più tolto. Contando che oggi è Martedì direi proprio che mi conoscono bene e che hanno trovato l'orologio, forse l'unico, che fa per me! Ma di questo vi parlerò un altro giorno. Adesso mi appresto a scrivere il post Pacco Ibs.

Cosa state leggendo? E quali libri avete acquistato di recente?
 Al prossimo post!